L’implicito della settimana: lo slogan pubblicitario di Alpitour

Un saluto ai nostri lettori OPPP! Questa settimana vogliamo proporvi il commento a uno slogan pubblicitario diffuso da Alpitour: “Manda in vacanza i luoghi comuni”. Il messaggio apre con un verbo di cambiamento di stato (mandare) che presuppone che chi legge abbia una visione del mondo influenzata da luoghi comuni, dei quali è necessario sbarazzarsi. Associato al marchio in evidenza (Alpitour), questo messaggio fa anche scaturire l’implicatura che viaggiando con Alpitour sia possibile disfarsi di qualsiasi luogo comune poiché esso permette di esplorare il mondo in modo più ricco, profondo e vero che senza Alpitour. l sintagma “i luoghi comuni” appare in sé piuttosto vago, in quanto non lascia capire di quali luoghi comuni si stia parlando. Così, ciascun lettore potrà formarsi un’idea sua di “luogo comune” legata, ad esempio, alla cucina del luogo, ai suoi abitanti, alla lingua, all’igiene delle strade, al traffico, ecc. Insomma, la scelta di questo livello di vaghezza deresponsabilizza l’emittente rispetto al contenuto che esprime: rendere esplicito un significato specifico lo avrebbe esposto al potenziale disaccordo del target.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.