Luigi Di Maio e Giorgia Meloni dopo le consultazioni nel 2019 sulla formazione del governo M5S-PD

Un'analisi delle informazioni discutibili trasmesse in modo implicito

Legenda colori: giallo = vaghezza; verde = topic; violetto = presupposizione; celeste= implicatura. L’alternanza di colori in una medesima stringa di testo indica la concomitanza di più impliciti linguistici.

Discorso di Giorgia Meloni

Conferenza stampa al Quirinale il 29 agosto 2019, dopo le consultazioni

Puoi vedere il video del discorso qui.

  1. Buongiorno a tutti.
  2. La delegazione di Fratelli d’Italia ha incontrato il Presidente Mattarella. In questo breve e
  3. franco confronto ha ribadito la sua posizione chiara e semplice. Per noi, per Fratelli
  4. d’Italia, l’unico sbocco possibile per questa crisi di governo è lo scioglimento immediato
  5. delle Camere e il ritorno alle urne. Abbiamo chiesto al Presidente Mattarella di valutare
  6. questa eventualità, anche nel caso in cui Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico
  7. confermassero la loro volontà di procedere verso il patto della poltrona[ppp], che stanno
  8. trattando in queste ore. Perché, un governo fatto da forze politiche che si sono candidate
  9. dicendo agli italiani che avrebbero ciascuna combattuto l’altra[top+impl] è un inganno
  10. verso gli elettori, ed è la cosa più distante che io conosco dall’idea di democrazia. Un
  11. governo che nasce con l’obiettivo dichiarato di aggirare la democrazia, cioè di impedire
  12. che qualcun altro vinca le elezioni, e quindi di impedire per questo che gli italiani
  13. possano votare[top+impl] è la cosa più distante che conosco dall’articolo numero 1 della
  14. Un governo che nasce con l’obiettivo di fare l’esatto contrario di quello
  15. che gli Italiani chiedono[top+impl]. Ormai, in tutte le elezioni, blocco dell’immigrazione,
  16. taglio delle tasse, rispetto dell’Italia nei contesti internazionali, nell’Unione Europea, difesa
  17. delle nostre aziende, del nostro lavoro. Un governo che nasce per fare l’esatto contrario
  18. di questo[top+impl] è un inganno verso i cittadini, verso noi italiani. E aggiungo che questa
  19. settimana di trattative, tra i Cinque Stelle e il Partito Democratico, a cui abbiamo assistito,
  20. ha rafforzato la nostra condizione. Perché, noi abbiamo sentito parlare solo di
  21. poltrone[vag], abbiamo solo sentito parlare di chi fa cosa[vag]. Avessimo sentito una
  22. sola parola sui problemi dell’Italia e su come si vogliono affrontare quei
  23. problemi[impl]. I programmi arriveranno dopo[vag]. Prima ci mettiamo d’accordo sulle poltrone
  24. e poi parleremo degli italiani. Tra l’altro, con dei continui stop e delle continue ripartenze
  25. che tradiscono anche, diciamo, una difficoltà di sopportazione di queste forze
  26. politiche[ppp], il che è uno spiraglio su quello che accadrà, che accadrebbe quando il
  27. governo dovesse formarsi, un altro governo che litigherebbe su tutto[ppp]. Un altro
  28. governo, secondo il mio punto di vista, destinato a durare pochi mesi[ppp], e quindi
  29. ancora immobilismo e ancora instabilità per l’Italia[ppp]. Invece, l’Italia ha un disperato
  30. bisogno di stabilità, e quella stabilità ci sarebbe se si andasse a votare. Perché, se si andasse
  31. a votare, da libere elezioni uscirebbe un governo con un forte mandato popolare, capace di
  32. durare cinque annni perché avrebbe i numeri per durare cinque anni e avrebbe una visione
  33. condivisa sulle grandi questioni del nostro tempo, sulle grandi questioni fondamentali.
  34. Queste sono le ragioni per le quali abbiamo chiesto al Presidente Mattarella di indire le
  35. Il Presidente sa bene – e lo dico con umiltà – il Presidente Mattarella sa bene di non
  36. avere alcun obbligo costituzionale a dare il via libera a qualunque
  37. maggioranza[ppp+top], proprio in virtù dell’articolo 1 della Costituzione, che dice “La
  38. sovranità appartiene al popolo”. Con un governo formato da Cinque Stelle e Partito
  39. Democratico questo precetto fondamentale dell’articolo 1 della nostra Costituzione sarebbe,
  40. oggettivamente, non sarebbe rispettato. E allora, confidiamo che, di fronte a un’intesa
  41. dettata solo dalla paura del voto nata solo per mantenere delle poltrone di
  42. fronte a questo inganno, il Presidente Mattarella voglia notare la possibilità di non farsi
  43. notaio di questo patto della poltrona e di esercitare la sua podestà di sciogliere le Camere
  44. nell’interesse superiore della nazione. Aggiungo che abbiamo chiesto al Presidente
  45. Mattarella di concludere questa crisi di governo, in ogni caso, oggi, così come egli stesso
  46. aveva detto di voler procedere in maniera molto veloce. Non prolungare i tempi della crisi
  47. assumere decisioni definitive – noi speriamo nel senso che vi ho detto – non concedere,
  48. anche quando venisse richiesto, altro tempo per questo osceno baratto di poltrone che si
  49. sta consumando[ppp]. Questa, la posizione, come sempre, chiara di Fratelli d’Italia. Noi
  50. continuiamo a chiedere, con forza, una unica opzioni: elezioni, libertà, sovranità[ppp].
  51. Non prendiamo lezioni né da quel Partito Democratico che, negli ultimi dieci anni, ha
  52. governato per sei anni senza mai vincere le elezioni, e neanche dagli esponenti del
  53. Movimento Cinque Stelle che, come abbiamo detto, si erano candidati dicendo che
  54. avrebbero aperto i palazzi come una scatoletta di tonno e poi sono diventati il tonno chiuso
  55. dentro la scatoletta. Continueremo a denunciare lo scempio che questi partiti stanno
  56. consumando[ppp]. Non è stato oggetto del nostro colloquio con il Presidente Mattarella,
  57. ma approfitto della vostra pazienza, annunciare che scenderemo in piazza se questo governo
  58. dovesse nascere. Invitiamo già gli italiani a scendere con noi, a Piazza Montecitorio, il
  59. giorno della fiducia, perché, con buona pace di quelli che pensano che gli italiani non
  60. possono votare e non debbano neanche manifestare il loro dissenso[ppp+vag], noi
  61. invece vorremmo dare voce agli italiani, che capiscono l’inganno che si sta consumando e
  62. vogliono, così, manifestare la propria contrarietà[ppp]. Lo facciamo invitando tutti, non
  63. solo gli elettori di Fratelli d’Italia ma anche, diciamo i militanti delusi di quei partiti[ppp],
  64. che stanno facendo l’esatto contrario di quello che avevano dichiarato, e lo facciamo con la
  65. forza di chi non ha alcuna responsabilità, né diretta né indiretta, in quello che sta accadendo
  66. in Italia. Siamo dalla parte della democrazia[impl]. Siamo dalla parte dell’Italia, dei
  67. diritti degli italiani, della Costituzione italiana[impl] e pensiamo di doverlo dire e di
  68. poterlo dire anche, nelle piazze oltre che in Parlamento. Vi ringrazio.

Discorso di Luigi Di Maio

Conferenza stampa al Quirinale il 29 agosto 2019, dopo le consultazioni

Puoi vedere il video del discorso qui.

  1. Abbiamo ringraziato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per la sensibilità
  2. istituzionale che, ancora una volta, sta dimostrando in questo delicato momento del
  3. Paese[ppp]. 60 milioni di italiani hanno vissuto questo agosto nell’incertezza assoluta. Gli
  4. italiani, è da circa un mese che non hanno più un governo pienamente in carica. Sulla testa
  5. delle loro famiglie è piombata una crisi inaspettata, provocata da una forza politica che ha
  6. staccato la spina al governo di Giuseppe Conte[vag], dopo che quel governo aveva
  7. rimborsato i truffati delle banche[ppp], aveva dato a questo Paese quota 100 e il reddito di
  8. cittadinanza, aveva adottato nuove politiche sull’immigrazione e si era guadagnato il
  9. rispetto ai tavoli europei e internazionali[ppp+impl]. Molti di questi italiani stavano
  10. aspettando l’abbassamento delle tasse a fine anno, il salario minimo, nuove politiche
  11. ambientali, il taglio dei parlamentari, una scuola più forte[ppp], una sanità più libera dai
  12. partiti[ppp], la revoca delle concessioni autostradali a chi ha fatto crollare il ponte
  13. Morandi[ppp+vag], l’abolizione di inutili leggi che creano solo burocrazia[vag],
  14. l’autonomia per Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna e gli investimenti per il Sud. Ma si
  15. è deciso di far saltare tutto; eppure gli italiani, il 4 marzo 2018 avevano votato per vedere
  16. risolti i propri problemi, non per risolvere i problemi di qualche partito[impl]. Qualcuno
  17. nella storia ha detto che in politica ci sono sempre due categorie di persone: quelli che la
  18. fanno e quelli che ne approfittano. Oggi, noi abbiamo detto al Presidente della Repubblica
  19. che il Movimento Cinque Stelle non si sottrarrà alle proprie responsabilità[ppp]. Abbiamo
  20. preso degli impegni con gli italiani, come evitare l’aumento dell’IVA a fine anno[ppp];
  21. ebbene, costi quel che costi, questi impegni vogliamo mantenerli. Siamo sempre stati un
  22. movimento post-ideologico[ppp]. Siamo convinti che non esistano soluzioni di destra, ma
  23. semplicemente soluzioni. Qualcuno, a seconda delle questioni che portavamo avanti in
  24. questo anno, ci ha accusato di essere dell’una o dell’altra parte[vag]. Noi crediamo che
  25. questi schemi siano ampiamente superati; lo abbiamo detto in passato e continuiamo a
  26. Sono i programmi, i temi, le scelte, i veri protagonisti della politica. Siamo
  27. cresciuti nella consapevolezza che la politica sia servizio[ppp], uno spirito che ci ha
  28. portato ad essere la prima forza politica del Paese e del Parlamento. In questi anni, il nostro
  29. obiettivo è sempre stato quello di cambiare[ppp], guardando ad un oggetto per l’Italia di
  30. grande respiro, che rimettesse al centro la persona, i beni comuni essenziali: l’acqua, la
  31. scuola, le infrastrutture, l’ambiente, la sanità, la cultura, lo sviluppo economico, il
  32. lavoro[ppp]. Uno dei grandi interpreti di questo nuovo umanesimo[ppp+top], come ama
  33. definirlo lui stesso, è stato Giuseppe Conte, il Presidente del Consiglio indicato dal
  34. Movimento Cinque Stelle nel giugno 2018. Un uomo di grande coraggio, che ha dimostrato
  35. di voler servire il Paese con spirito disinteressato e di abnegazione. Oggi abbiamo detto al
  36. Presidente della Repubblica che c’è un accordo politico affinché Giuseppe Conte possa
  37. ricevere di nuovo l’incarico di Presidente del Consiglio e provare a formare un governo di
  38. lungo termine. Il suo ruolo ci fa sentire garantiti sulle politiche che intendiamo portare
  39. avanti come Movimento Cinque Stelle. Abbiamo degli obiettivi da realizzare, e il nostro
  40. programma è sempre lo stesso: quello che hanno votato 11 milioni di italiani. Abbiamo
  41. iniziato un lavoro il 4 marzo del 2018 e vogliamo portarlo a termine. Non scapperemo, noi,
  42. dalle promesse fatte agli italiani[impl]. Vado verso la conclusione. In questi giorni e in
  43. queste ore, si sono alimentate tante polemiche sulla mia persona, e mi ha sorpreso che, in
  44. una fase così delicata, qualcuno abbia avuto il tempo di pensare al sottoscritto
  45. piuttosto che ai problemi reali dell’Italia[ppp+top]. Vorrei comunicare all’opinione
  46. pubblica una cosa. La Lega mi ha informato in questi giorni di voler proporre me come
  47. Presidente del Consiglio dei Ministri per riproporre un governo con il Movimento Cinque
  48. Stelle, e mi ha informato di averlo comunicato anche a livello istituzionale. Li ringrazio, con
  49. sincerità, ma dico, con la stessa sincerità, che a me interessa il meglio per il Paese, non il
  50. meglio per me stesso[impl+vag]. Oltre un anno fa, dopo aver vinto le elezioni del 2018, ho
  51. rinunciato al mio ruolo di candidato premier e, grazie a quella scelta, l’Italia ha conosciuto
  52. Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio. Anche grazie a quella scelta il Movimento
  53. Cinque Stelle è andato al governo, iniziando ad approvare provvedimenti storici che i
  54. cittadini aspettavano da anni. Come l’ho fatto allora, anche oggi rifiuto l’offerta della Lega
  55. con serenità e gratitudine per chi l’ha avanzata, e tengo a dire che non rinnego il lavoro fatto
  56. insieme in questi quattordici mesi. Ma, quel che conta per noi è che l’Italia sia sempre più
  57. forte[ppp], anche a livello internazionale; e il riconoscimento arrivato ieri dal Presidente
  58. degli Stati Uniti, Donald Trump[ppp+top], ci fa capire che siamo sulla strada giusta.
  59. Lasciatemi dire, infine, che, nelle ultime ore, i cittadini hanno assistito a un dibattito
  60. politico poco edificante su ruoli e cariche[vag]. Non è questo che meritano gli italiani. Se,
  61. nelle prossime ore, il Presidente della Repubblica dovesse decidere di dare l’incarico al
  62. Presidente Giuseppe Conte, come capo politico del Movimento Cinque Stelle chiederò che il
  63. percorso di formazione del nuovo governo parta dalla creazione di un programma omogeneo
  64. e che metta al centro i cittadini e i problemi che vivono ogni giorno. Solo dopo aver ben
  65. definito tutte le cose da fare insieme, si potrà decidere chi sarà chiamato a realizzare le
  66. politiche concordate; e su questo, chiediamo che si rispettino le prerogative del Presidente
  67. del Consiglio dei Ministri e del Presidente della Repubblica. Grazie a tutti.
Articoli correlati

La politica non va in vacanza… ma OPPP! sì!

L’implicito della settimana: Santanchè elettorale contro la Sinistra

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.