Pertini (1983) e Cossiga (1991): i messaggi di fine anno dei Presidenti della Repubblica

Un confronto tra le informazioni discutibili trasmesse in modo implicito

Questa settimana abbiamo deciso di calarci nell’atmosfera festiva inaugurando una serie di confronti su alcuni memorabili messaggi di fine anno tenuti dai Presidenti della Repubblica.

Cominciamo oggi con il messaggio del 1983 di Sandro Pertini e quello del 1991 di Francesco Cossiga.

Il discorso di Pertini è incentrato su drammatiche questioni di politica internazionale: la guerra in Libano, l’insuccesso dei negoziati di Ginevra che dovevano alleviare la tensione della Guerra Fredda e di quelli di Atene che avrebbero dovuto accelerare il processo dell’unificazione dell’Europa. Si tratta di un discorso piuttosto esplicito, esemplificativo dello stile diretto e sincero che ha reso Pertini uno dei Presidenti più apprezzati di sempre.

In un passaggio, vi è però un interessante esempio di implicatura topicalizzata, una strategia con con cui si dà per scontato un contenuto non asserito esplicitamente. Parlando di USA e URSS dice: “Se veramente i due blocchi, le due superpotenze vogliono la pace, devono giungere a questa conclusione: disarmo totale controllato”. In questo modo Pertini lascia intendere che vi sia la possibilità che le due superpotenze mentano quando dicono di volere la pace.

Il discorso di Cossiga del 1991, in pieno scandalo Tangentopoli, è uno dei più famosi della storia: in 3 minuti e mezzo, il Presidente dice che non ha intenzione di dire niente. Il breve intervento – globalmente piuttosto diretto – non è del tutto privo di impliciti: alcuni fatti che suggeriscono al Presidente la scelta del silenzio sono lasciati vaghi, mentre altri sono presentati come noti a tutti attraverso la strategia della presupposizione. Infatti, Cossiga dichiara di tacere “non certo per mancanza di coraggio, o resa verso le intimidazioni“, presupponendo che vi siano state delle intimidazioni nei suoi confronti, fatto che all’epoca non era di dominio pubblico.

Frammento del messaggio di fine anno di Sandro Pertini, trasmesso il 31 dicembre 1983

Messaggio di fine anno di Francesco Cossiga, trasmesso il 31 dicembre 1991

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.