L’implicito della settimana: Santanchè sul tema dell’immigrazione

Il post di Daniela Santanchè contiene un interessante esempio di descrizione definita, una delle strategie di presupposizione più diffuse. L’espressione “il passaparola tra i migranti” presuppone infatti che tale passaparola esista, e che ormai si tratti solo di sapere in che cosa consiste, mentre se la comunicazione fosse onesta lo stesso contenuto dovrebbe essere formulato in modo esplicito: “c’è un passaparola tra i migranti”.

In questa scelta si vede in modo chiaro il potere delle presupposizioni. Infatti, se il contenuto fosse formulato esplicitamente (“c’è un passaparola tra i migranti”), chi legge il post sarebbe istintivamente portato a dedicarvi un minimo di riflessione critica: in quali contesti e con quali mezzi avrebbe luogo questo passaparola? Di quali migranti parliamo? Come fa un passaparola a diffondersi dalla Libia alla Siria al Bangladesh? Come l’hanno saputo i giornalisti di Libero e Daniela Santanchè?

Invece la formulazione implicita (“il passaparola tra i migranti”) ha il potere di abbassare la soglia critica: essendo presentato come un fatto acclarato, il contenuto tende ad essere accolto senza obiezioni, come probabilmente è successo anche a voi alla prima lettura.

Inoltre, la presupposizione ha anche le caratteristiche della topicalizzazione: si trova cioè nella parte della frase dove normalmente vengono incluse informazioni già note. La parte topicale viene di solito processata in modo più rapido, perché siamo consapevoli che le informazioni più rilevanti si trovano nella seconda parte della frase.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.