L’implicito della settimana: l’iniziativa raccolta fondi Meyer

Un saluto ai nostri Lettori di OPPP!

Il Natale è alle porte e l’attenzione verso le iniziative benefiche si fa sentire. In particolare, la fondazione ospedaliera pediatrica Meyer (sita a Firenze), da sempre dedita alla salute dei piccoli, ha lanciato una campagna di raccolta fondi. Particolarmente evocativa è l’immagine mostrata: due bambini in abiti invernali, vicino a un albero di Natale, lasciano spazio alla loro fantasia e creatività, disegnando spensierati e felici e, perché no, gioendo all’idea di poter scrivere la loro lettera a Babbo Natale. Questo è quello che ogni bambino meriterebbe di vivere, ma che la malattia può rendere più difficile da realizzare, soprattutto quando mancano i fondi per curarla. Nella seconda parte del messaggio, viene presupposto tramite una descrizione definita, il tuo dono, che chi legge farà un dono; questa strategia discorsiva aiuta a rendere più concreto tale scenario, proprio perché lo presenta come già noto al ricevente. L’invito a devolvere del denaro a questo fine non è infatti rivolto in modo diretto come in Fai un dono alla fondazione Meyer! Che il dono avvenga è piuttosto dato per scontato, mentre ad apparire in primo piano nell’enunciato è lo scopo che tale dono consentirebbe di raggiungere: aiutare coloro che operano nella fondazione per costruire il futuro di bambini ospedalizzati. E, da qui, la seconda presupposizione, attivata dal verbo di cambiamento di stato costruire, che presenta come informazione già condivisa che questi bambini, a causa della loro condizione di salute, non abbiano un futuro assicurato, ed implica che possa invece diventare una possibilità tangibile grazie all’aiuto di chi decide di aderire all’iniziativa di raccolta. Anche in questo contesto, gli impliciti continuano ad essere un meccanismo estremamente efficace di persuasione, ma impiegati per fini ben più nobili e lodevoli. 

Da tutto il nostro team, i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo! OPPP! si prende una settimana di vacanza: al 2023 per le prossime pubblicazioni!

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Labello mette K.O. le labbra screpolate, ma non gli stereotipi sulla mascolinità

L’implicito della settimana: Susanna Ceccardi contro le ong

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.