L’implicito della settimana: il tweet di Matteo Renzi contro il Movimento 5 Stelle

Un caloroso saluto ai nostri lettori di OPPP! Questa settimana portiamo i nostri riflettori su un tweet con cui Matteo Renzi sferza il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte. In apertura un commento ironico, con cui Renzi sfrutta quella che in linguistica chiamiamo implicatura conversazionale per comunicare in modo implicito che lo Statuto, così come i DMPC approvati sotto il Governo Conte, sono tutt’altro che chiari. Questa interpretazione è confermata dall’enunciato che segue i due punti: il risultato è l’esplosione del Movimento, dove la descrizione definita (art. det. + nome) presuppone che il Movimento Cinque Stelle sia “esploso”, sebbene possa trattarsi di un’opinione non condivisa da tutti. Questa conseguenza negativa della stesura dello Statuto è espressa anche mediante l’implicito della vaghezza: che cosa si deve intendere in questo contesto per “esplosione”? A seguire, dall’impiego dell’espressione avverbiale questa volta scaturisce l’implicatura generalizzata che in occasioni precedenti sia stato necessario combattere i Cinque Stelle per arginare gli effetti nefasti della loro politica. Questa volta, incalza Renzi, il Movimento è l’unico vero artefice della propria débacle. L’hashtag #StelleCadenti è poi chiaramente evocativo dell’opinione di Renzi rispetto al futuro dei Cinque Stelle.

Tags

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

La politica non va in vacanza… ma OPPP! sì!

L’implicito della settimana: Santanchè elettorale contro la Sinistra

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.