L’implicito della settimana: Salvini sul processo Open Arms

Questa settimana vi proponiamo un tweet di Salvini sul processo Open Arms. Nel post, mediante la presupposizione attivata dalla descrizione definita Il processo voluto dalla sinistra e dai tifosi dell’immigrazione clandestina, Salvini presenta come informazione già ovvia per i destinatari che il processo contro di lui sia voluto dalla Sinistra e da coloro che “tifano” per l’immigrazione clandestina. Di questi “tifosi”, cioè persone irragionevoli, si dà per scontata l’esistenza e si lascia vaga l’identità. Infine, a chiudere il messaggio, la domanda quanto costerà ai cittadini italiani? implica che (proprio per questo processo, fra le decine di migliaia che si svolgono nel paese) tale costo potrebbe essere ingente, e che si tratti di un onere che gli italiani non sarebbero tenuti a corrispondere.   

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.