L’implicito della settimana: la pubblicità dei Pan di Stelle

Questa settimana condividiamo con voi un delizioso caso di implicitezza: la pubblicità dei biscotti Pan di Stelle, che ci dice: “Sogna, è buonissimo”. Questa frase piuttosto originale (siamo infatti abituati a pensare che sognare sia bellissimo, non buonissimo) cela un’implicatura conversazionale. I destinatari di questo messaggio sono portati a cercare una relazione tra il sognare e la presenza di qualcosa di buono. Nell’ambito della pubblicità dei biscotti Pan di Stelle, sarà proprio questo prodotto a rappresentare l’elemento mancante. Pertanto, quello che la pubblicità fa implicare è: se ti metti a sognare (metaforicamente), sognerai qualcosa di buonissimo, e quel qualcosa saranno i Pan di Stelle. In altri termini, queste poche parole ci suggeriscono implicitamente che i Pan di Stelle siano biscotti buonissimi, addirittura da sogno; e che anzi, siano i biscotti dei nostri sogni. Un messaggio indubbiamente persuasivo. Ora pensiamo: se ci avessero detto esplicitamente “I Pan di Stelle sono biscotti buonissimi, così buoni da essere i biscotti che sogni di poter mangiare” il messaggio ci avrebbe convinti?

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.