L’implicito della settimana: gli slogan di Gualtieri e Michetti per le amministrative a Roma

Nella settimana che si chiuderà con il voto alle amministrative nella Capitale, vi proponiamo un “implicito della settimana” bipartisan.

Sia il candidato del centro-sinistra Roberto Gualtieri, sia quello del centro-destra Enrico Michetti durante la campagna elettorale hanno proposto slogan che contengono un verbo di cambiamento di stato, che attiva una presupposizione. Nello slogan di Gualtieri “una citta che rinasce” è presupposto che Roma sia morta, almeno metaforicamente. Nello slogan di Michetti “Roma torna capitale” è invece presupposto che Roma non sia più capitale. Entrambe le presupposizioni veicolano dunque un attacco rivolto all’amministrazione uscente, che avrebbe “ucciso” o destituito la Capitale.

I contenuti presupposti sono – se presi alla lettera – palesemente falsi (Roma non è “morta”, Roma è la capitale): per questo ne nascono delle implicature che riguardano tutti i significati (positivi, di autorevolezza e importanza) associati all’essere una città “viva” e all’essere capitale.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.