L’implicito della settimana: Fratoianni commenta i (mancati) sbarchi

Un saluto ai nostri lettori OPPP! Questa settimana abbiamo deciso di analizzare un tweet di Nicola Fratoianni (leader di Sinistra Italiana) su uno dei temi più caldi e divisivi della politica italiana: la questione migranti (espressione che, come ormai i più attenti avranno imparato, presuppone che esista una questione migranti).

Ma veniamo al tweet. Attraverso un’espressione introdotta dall’articolo determinativo (“il gioco sulla pelle dei naufraghi”), Fratoianni presuppone che il titolare del Viminale stia giocando sulla pelle dei naufraghi. La presupposizione è del resto raddoppiata dal predicato fattivo “è straziante e cinico”, che presenta come assodato tutto ciò che lo segue. Scegliendo di adoperare il predicato di cambiamento di stato “sia ripristinato”, il leader di SI presuppone poi che il diritto internazionale sia stato violato. Segue poi un ‘grappolo’ di impliciti persuasivi, che Fratoianni abilmente intreccia e sovrappone. Dicendo “basta con i sotterfugi burocratici che non rispettano i valori di umanità e di dignità”, presuppone che vi siano sotterfugi burocratici che non rispettano i valori di umanità e di dignità e rafforza ulteriormente il concetto con un nuovo predicato di cambiamento di stato (“basta”). Il predicato di cambiamento di stato “basta”, infatti, a sua volta presuppone che ciò di cui si auspica la fine sia attualmente in atto. Lascia inoltre vago quali siano i sotterfugi burocratici che il Ministro Piantedosi sta adoperando.

Insomma, attraverso una serie di impliciti, Fratoianni prova a convincere i propri lettori del fatto che il suo non sia solo un punto di vista, ma una rappresentazione vera e indiscutibile della realtà.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.