L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

Questa settimana analizziamo un tweet di Graziano Delrio, deputato del PD, che critica un punto della manovra di bilancio del governo Meloni. Il tema è la riforma della normativa sul Reddito di Cittadinanza, che il Governo si propone di ridurre e poi abolire nel corso del 2023.

Il tweet presenta diverse accuse contro il Governo, che vengono solo lasciate intendere e non dette esplicitamente. Delrio twitta: “La povertà delle famiglie va combattuta, non ignorata”. Con questa affermazione il politico implica diverse cose, ovvero: che il Reddito di Cittadinanza sia uno strumento che combatte la povertà, che il Governo Meloni non stia combattendo la povertà delle famiglie, e che la stia ignorando. Il messaggio prosegue sul tema della politiche per creare lavoro con l’espressione: “Il Governo si impegni su questo invece che colpire i più deboli”. Anche con questa frase, Delrio implica che il Governo non si stia impegnando nella creazione di lavoro e che stia (volutamente) colpendo i più deboli. Rispetto a quest’ultimo contenuto notiamo inoltre che esso viene presentato come presupposto, ovvero come facente già parte delle conoscenze condivise dai riceventi, ed è piuttosto vago di per sé (chi sono i più deboli esattamente?).

Tutti questi contenuti impliciti costituiscono gravi accuse oppure opinioni politiche dello scrivente, che probabilmente una parte dei cittadini non condivide, o non condividerebbe appieno se fosse  presentata loro in una forma più esplicita, e venisse vagliata attentamente. I contenuti presentati – o meglio, occultati – attraverso le strategie di implicitazione, infatti, hanno maggiori probabilità di non essere vagliati criticamente dai riceventi, e non essere oggetto di una riflessione attenta. Sono, nella sostanza, messaggi subliminali.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.