Matteo Salvini-Luigi Di Maio-Giorgia Meloni: Tendenze implicitezza globale 2017

 

 

A tutta prima, i valori globali di implicitezza per Salvini e Di Maio mostrano tendenze simili nell'arco di tutto il 2017. In particolare, il confronto appare significativo per i discorsi tenuti in occasione delle elezioni amministrative e per quelli in cui il segretario della Lega Nord e il vice-presidente della Camera hanno inaugurato la loro candidatura a premier nelle prossime elezioni nazionali. Come si può notare, le differenze più evidenti sono quelle prodotte dai discorsi tenuti per le amministrative, in cui Di Maio si mostra mediamente più tendenzioso di Salvini. Rispetto ai discorsi di candidatura, le differenze appaiono invece meno nette e, per ragioni verosimilmente legate ad intenti persuasivi volti a convincere l'elettorato a portare al Governo l'uno o l'altro candidato, i valori globali di implicitezza sono in generale superiori a quelli ottenuti dall'analisi degli altri discorsi. Per entrambi i politici, il maggiore impatto esercitato dall'uso di impliciti è determinato dal diffuso ricorso a strategie presupposizionali. 

Dal confronto con Giorgia Meloni emerge che l'implicitezza del discorso di Di Maio contro la legge elettorale Rosatellum superi di 12 punti quello tenuto dalla deputata del Centro Destra sullo stesso tema. 

Invece, al comizio Liberiamoci e Ripartiamo, cui Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno preso parte, l'analisi del discorso di Meloni ha restituito un valore globale di implicitezza di ben 56 punti superiore al valore ottenuto dal discorso di Salvini.

Mentre nel discorso di Meloni contro l'approvazione del Rosatellum il valore globale di implicitezza è trainato dalla notevole presenza di implicature e presupposizioni, nel discorso di confronto con Matteo Salvini, l'apporto principale è costituito dal genere presupposizionale.

 

Tags

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

La politica non va in vacanza… ma OPPP! sì!

L’implicito della settimana: Santanchè elettorale contro la Sinistra

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.