L’implicito della settimana: Renzi contro la superficialità

Un saluto ai nostri cari lettori di OPPP!  Questa settimana commentiamo un recente post di Matteo Renzi sulle questioni politiche italiane parallele alla guerra in Ucraina. Il post è ricco di casi di vaghezza, oltre ad altri fenomeni di implicitezza. Vediamone alcuni. Il messaggio apre con un caso interessante di predicato fattivo (“mi fa male che…”), che presuppone che la drammatica vicenda ucraina sia trattata con superficialità solo per i sondaggi. Al contempo, questo enunciato si presenta vago riguardo all’identità di coloro che trattano la vicenda ucraina con superficialità. Renzi non chiarisce chi sia il responsabile di tale negligenza. È vago anche l’enunciato “ci trastulliamo con questioni di basso cabotaggio…”: chi, in particolare, si sta trastullando? E quest’uso della prima persona plurale (trastulliamo…) è davvero inclusivo o, piuttosto, retorico, semplicemente volto a lasciar intendere che tutti gli altri partiti, tranne Italia Viva, siano coinvolti in questioni di basso cabotaggio? Ma la vaghezza non si ferma qui. Quali sarebbero le “questioni di basso cabotaggio” a cui accenna Renzi? Perché non specifica di che cosa si tratta? Il messaggio chiude con una presupposizione attivata da un comparativo di uguaglianza (…questioni di basso cabotaggio come i comportamenti infantili di Conte e Salvini…), che presenta come scontato che i comportamenti di Conte e di Salvini siano questioni di basso cabotaggio. Questo enunciato include anche una descrizione definita (i comportamenti infantili di Conte e Salvini) che presuppone come cosa ovvia che Conte e Salvini manifestino comportamenti infantili.   

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.