L’implicito della settimana: A quando un governo di Patrioti?

Questa settimana commentiamo un recente tweet di Giorgia Meloni che, richiamandosi ad un intervento televisivo di Giulio Tremonti, si scaglia contro il governo in carica. Dimostrando grande capacità comunicativa, Meloni sfrutta molteplici strategie di implicitazione per trasmettere contenuti discutibili sotto la soglia dell’attenzione dei destinatari. Ad esempio, con una topicalizzazione (segnalata anche dalla virgola fra soggetto e verbo: “un esecutivo pendente a sinistra e composto da forze politiche così diverse tra loro, non è in grado di produrre nulla di buono”) il destinatario riceve l’impressione di conoscere già come cosa risaputa che l’esecutivo pende a sinistra. Attraverso una presupposizione da predicato di cambiamento di stato (“Basta…”), presenta poi come noto che il governo abbia finora perso tempo. Per mezzo di un’implicatura, fa dedurre al destinatario che l’attuale governo non sia un governo di Patrioti, non abbia un programma condiviso e non sia legittimato dal voto (“l’Italia ha bisogno di un governo di Patrioti, con un programma condiviso e legittimato dal voto popolare”). L’Italia, infatti, non avrebbe bisogno di un governo di Patrioti, con un programma condiviso e legittimato dal voto popolare, se il governo in carica fosse già tale. Lascia inoltre vago che cosa caratterizzi un governo di Patrioti: così ogni destinatario può riempire questa etichetta con ciò che ritiene essere un governo di Patrioti. Abilmente, però, suggerisce mediante un’ulteriore implicatura che il suo sarebbe un governo di Patrioti. Insomma, un vero capolavoro di linguaggio manipolatorio.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

La politica non va in vacanza… ma OPPP! sì!

L’implicito della settimana: Santanchè elettorale contro la Sinistra

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.