L’implicito della settimana: Calenda sulla sua candidatura come Sindaco di Roma

Questa settimana vi proponiamo una interessante occorrenza di implicature conversazionali tratte da un messaggio Twitter di Carlo Calenda, candidato sindaco al Comune di Roma. Nella prima parte del tweet (Il bello di presentarsi con una sola lista civica è che non hai nessun partito che ti impone le scelte da compiere e le persone da mettere in squadra) è implicato (e non detto esplicitamente)  che agli altri candidati sindaci le scelte da compiere e le persone da mettere in squadra siano state imposte dai rispettivi partiti. Calenda si presenta perciò come individuo libero, coraggioso, intellettualmente onesto e in contrapposizione agli altri candidati, che pertanto non vanterebbero le stesse virtù. Nella seconda parte del tweet (L’unico criterio sarà la competenza, l’unica bussola l’interesse dei cittadini) è implicato che le priorità dei partiti non riguardino né la competenza dei candidati, né l’interesse dei cittadini, e che dunque questo scenario si riproporrebbe qualora venisse eletto qualcuno di diverso da Calenda. Entrambe queste opinioni sono almeno in parte diffamatorie dei suoi avversari, ed è per questo che a Calenda conviene trasmetterle, sì, ma in modo implicito.

Condividi l'articolo:

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.