Barbara Lezzi (2017) e Alessandro Di Battista (2016) sul sistema bancario

Un confronto tra le informazioni discutibili trasmesse in modo implicito

Dai valori globali di implicitezza mostrati emerge che il discorso di Barbara Lezzi (Ministra per il Sud nel primo governo Conte) risulta nettamente più tendenzioso di quello di Alessandro Di Battista. Gli istogrammi seguenti, che indicano i valori di impatto delle singole categorie di implicito, suggeriscono che la tendenziosità del discorso di Lezzi poggia soprattutto sull’impatto di presupposizioni e topicalizzazioni, con frequenti convergenze tra le due categorie, associati principalmente a contenuti di attacco.

Anche la tendenziosità del discorso Di Battista è trainata dall’impatto di strategie presupposizionali unitamente a quello delle implicature. Entrambi i generi di strategie sono il più delle volte associati alla codifica di contenuti di attacco e di auto-elogio. 

Impatto delle singole categorie di implicito nel discorso di Barbara Lezzi
Impatto delle singole categorie di implicito nel discorso di Alessandro Di Battista

Intervento di Barbara Lezzi

Palazzo Madama, Aula del Senato – 27 luglio 2017

Puoi vedere il video del discorso qui.

  1. Su questa storia delle banche[ppp+top] ci sarebbe da dire tanto. Eh, all’inizio di questa
  2. legislatura, quando il Governo Letta avviò questa serie di regali alle banche[ppp+top],
  3. chiaramente intuimmo che c’era una certa connivenza del Partito Democratico con il sistema
  4. Poi si è scritto invece moltissimo sull’incapacità di questo Governo[ppp], perché
  5. c’era Padoan e poi c’era anche il Premier Matteo Renzi che andava pontificando sulla
  6. sicurezza del sistema bancario, e invitava i cittadini a star tranquilli perché tanto tutto era
  7. Però, io non credo che sia incapacità. Io sono certa che, ad esempio, per la
  8. questione delle popolari venete[ppp+top] ci sia stato un accordo molto vecchio, pregresso,
  9. che ha fatto arrivare in piena emergenza la situazione proprio per poterla regalare a Banca
  10. Non c’è altra spiegazione. Qui c’è – veramente la procura dovrebbe approfondire i
  11. legami che ci sono tra il Partito Democratico e Banca Intesa[ppp] perché si ripetono negli
  12. Io adesso vedo Santini che chiaramente è veneto e deve difendere il suo bacino
  13. elettorale e prenderselo con la Lega e invitare Zaia a prendersi le proprie responsabilità.
  14. Potremmo dire pure che la Puppato ha dato la cittadinanza onoraria a Zunino. Insomma ci
  15. sono tutti, ci siete tutti in questa storia, ma il Partito Democratico ha una grandissima colpa
  16. in tutto questo. È inutile che mi indicate, non mi fate paura. Andate fuori. Non sorrida
  17. Puppato perché è colpevole e dovrebbe andare a guardare le persone in faccia, a guardarle
  18. negli occhi, quelle con cui ho parlato ieri, con le lacrime agli occhi perché hanno perso
  19. tutto…E la senatrice Puppato deve andare a parlare con i loro corregionali che hanno le
  20. lacrime agli occhi perché il padre di 90 anni ha perso tutto. Non rida Puppato perché è
  21. un’irresponsabile. È meschinità, questa. Ridere di fronte a questo[top] si è solo dei meschini.
  22. Perché, guardate signori, io so una cosa. Quello che io so è che quando ho ascoltato le
  23. associazioni delle persone truffate[ppp+top], so che queste persone non avranno neanche
  24. ristoro[ppp], e questo è a causa del Partito Democratico, della senatrice Puppato, del
  25. senatore Santini che, pur conoscendo tutta la situazione[top] hanno deciso di cedere la
  26. sovranità parlamentare, hanno deciso scientemente, coscientemente, di cedere la sovranità
  27. parlamentare a Banca Intesa, perché quando è stato emanato questo decreto, Banca Intesa ha
  28. fatto un comunicato stampa in cui dice “non dev’essere toccato altrimenti salta l’accordo”.
  29. Questa è una gravissima violazione delle prerogative parlamentari. Questo è qualcosa di così
  30. straordinariamente grave che mi sorprende come nessuno abbia parlato di questo[ppp+top].
  31. Cioè una banca che entra in Parlamento e ordina ai parlamentari del Partito Democratico di
  32. piegarsi alle sue volontà[impl]. E il Governo, tra l’altro, quasi quasi ringrazia Banca Intesa e
  33. ordina ai parlamentari[vag], piegati, del Partito Democratico, di continuare a truffare i vostri
  34. corregionali[ppp]. Senatrice Zanoni, lei è piegata alla Banca Intesa. Allora…scusate. Io so
  35. che qui l’insulto[ppp+top] è a carico di 17 miliardi di nuovo debito a carico di tutti gli
  36. italiani, per la connivenza che c’è con le banche[ppp], QUESTO[ppp] è l’insulto! L’insulto
  37. sono i milioni di poveri che non hanno risposta[ppp]! Non mi parlate di rischio sistemico!
  38. Perché allora se c’era un rischio sistemico si faceva come si è fatto con l’MPS. Lo Stato, i
  39. contribuenti tirano fuori dei soldi e, come è ragionevole che sia, entrano nella banca! Non la
  40. lasci Banca Intesa! Io voglio sapere perché il Partito Democratico è così piegato a Banca
  41. Intesa[ppp]. Non è normale! Non è normale quello che state facendo[vag]! Regalare 17
  42. miliardi e dare tre anni di tempo per dare il frutto marcio, ancora, agli italiani[impl+ppp].
  43. Ma dico, avete ancora il coraggio di alzare la testa e andare nelle piazze[ppp]? Parlate con i
  44. cittadini, anche con i clienti di banca Etruria, del vostro segretario della Presidenza. Ora, io
  45. veramente sono scandalizzata, perché, vedere anche che i parlamentari del Partito
  46. Democratico non abbiano un minimo di dignità per loro stessi e dire “che cosa stiamo
  47. facendo[impl]?”. Perché, guardate, anche commissari della Commissione Bilancio…la
  48. verità[ppp+impl] fa male. Fa male dire ai senatori di Vicenza, del Veneto, dire ai loro
  49. corregionali che gli hanno scippato 17 miliardi, che gli hanno scippato il nuovo debito
  50. pubblico, che ci sono migliaia, migliaia, di risparmiatori truffati grazie a voi[ppp+top]! Una
  51. che promette di restituire i soldi e se li tiene[impl+top] cosa volete che faccia di fronte a
  52. me[impl]? Non ha la faccia di parlare, perché quando io dico la verità[ppp+top] vi alzate
  53. tutti! QUESTA[ppp] è la verità. Vi rode! Poi magari la passeggiata se la fa anche tra gli
  54. italiani, ai quali infliggono tasse, tagli, alla sanità, alla scuola, alla ricerca, all’innovazione, e
  55. danno 17 miliardi a Banca Veneta[vag]. Io voglio sapere se poi questi[vag] daranno i soldi a
  56. famiglie e imprese, anziché agli amici vostri[impl+vag], e agli amici vostri[impl+vag].
  57. Perché poi QUESTO[ppp] è il problema, il rischio sistemico. Le banche[vag] non fanno il
  58. loro lavoro! Persino Zunino ha segnato 41 milioni di euro da solo! Ma che cosa state
  59. salvando! Perché non hanno fatto una gara? Allora, a un euro me la compravo pure io
  60. una banca, se la compravano i risparmiatori, se la comprava la Bottici, Cappelletti, ce la
  61. compravamo noi! Perché a loro? Perché? C’è qualcosa che non va, che puzza di marcio, che
  62. puzza di connivenza, di un’associazione a delinquere! QUESTA[ppp] è la verità! 17 miliardi
  63. Questo è uno scandalo di proporzioni enormi, di cui pagherete. Questa è la
  64. Caporetto del Partito Democratico[ppp]. Altro che vaccini sul Movimento Cinque
  65. Stelle[impl]. Qui, sulle banche, avete impiccato[vag] il Partito Democratico. Dovete[vag]
  66. andarvene a casa. Siete[vag] conniventi con il sistema marcio di questo Paese. Voi[vag] alle
  67. piccole imprese, agli artigiani, ai risparmiatori, alle famiglie…Voi[vag] avete il coraggio di
  68. tornare ai cittadini a chiedere il voto, dopo che avete fatto questa ennesima truffa[ppp]. E
  69. Io vorrei che vi vedessero tutti come sorridete sornioni[ppp]. Sorridete[vag] e poi
  70. fate[vag] i ragionieri in Commissione Bilancio e mi venite[vag] a chiedere le coperture del
  71. reddito di cittadinanza. Ma come vi permettete[impl]? Come vi permettete? Come?!
  72. Presidente, con estrema soddisfazione, ho sollecitato forse la dignità del Partito
  73. Democratico[impl]. Magari, chissà, faranno finta[vag] di scappare, con il trolley e andarsene
  74. a casa. Magari non votano[vag], chissà? Intanto io concludo il mio intervento con la
  75. soddisfazione di aver sollecitato la rabbia[ppp], perché quando si dice la
  76. verità[ppp+top]…Ora concludo il mio intervento esprimendo la mia chiara soddisfazione
  77. per la rabbia che, di fronte alla verità, suscito nel Partito Democratico[ppp]. E io mi auguro
  78. che i cittadini, lo devono ricordare per sempre questo scippo[ppp] perché è una grande truffa
  79. ordita ad opera del Partito Democratico, compresi i senatori del Veneto che hanno truffato i
  80. loro corregionali[ppp]. Questa è la sacrosanta verità.

[conta caratteri – 5.704]

Intervento di Alessandro di Battista

Conferenza stampa del M5S alla Camera dei Deputati – 17 dicembre 2016

Puoi vedere il video del discorso qui.

  1. Buon pomeriggio a tutti e grazie.
  2. Nel 1982 in quella bellissima intervista che Berlinguer rilasciò a Scalfari, Berlinguer disse “I partiti
  3. hanno occupato lo Stato, tutte le istituzioni, a partire dal Governo, hanno occupato gli enti locali, gli
  4. enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, le università, la RAI, alcuni
  5. grandi giornali. Berlinguer parlava della partitocrazia, che ha occupato qualsiasi cosa. Oggi
  6. assistiamo ad un fenomeno nuovo, di Governo, che è appunto la bancocrazia, che è anche molto più
  7. pericolosa[ppp] perché i partiti per lo meno, un tempo, avevano i loro militanti che controllavano,
  8. mentre le banche questa base non ce l’hanno. Per qualcuno[vag] il Movimento esagera, allora
  9. facciamo i nomi. Manuel Barroso, ex-Presidente della Commissione Europea oggi è Presidente
  10. Advisor di Goldman Sachs. Mario Monti, ex-Presidente del Consiglio e membro della Commissione
  11. Europea, dal 2005 al 2011 è stato International Advisor di Goldman Sachs. Romano Prodi, ex-
  12. Presidente del Consiglio, due volte ex-Presidente della Commissione Europea, dal 1990 al 1993, è
  13. stato in Goldman Sachs e poi è stato Presidente dell’International Advisor Board di Unicredit,
  14. successore di Giuliano Amato, quell’Amato che chiedeva ad MPS il prestito, anzi il finanziamento,
  15. per il torneo di tennis del circolo radical chic di Orbetello di cui lui era Presidente[ppp]. Gianni
  16. Letta, ex-sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, potentissimo braccio destro di Silvio
  17. Berlusconi, è stato Advisor di Goldman Sachs. Mario Draghi, ex-direttore della Banca d’Italia, ex-
  18. direttore generale del Tesoro, Presidente della BCE, dal 2002 al 2005 è stato Advisor Vice-
  19. Presidente Director di Goldman Sachs. Giuliano Amato, quello del circolo tennis di Orbetello, ex-
  20. ministro del Tesoro, ex-Presidente del Consiglio e attuale giudice della Corte Costituzionale, fino al
  21. 2014 è stato Presidente dell’International Advisory Board di Unicredit e Advisor della Deutsche
  22. Augusto Fantozzi, ex-ministro delle Finanze dal 2008 al 2013, è stato Advisor della banca
  23. d’affari Lazard. Domenico Siniscalco, ex-direttore generale del Tesoro, ex-ministro dell’Economia
  24. nel governo Berlusconi, nel 2006 diventa vice-presidente di Morgan Stanley. Vittorio Grilli, ex-
  25. direttore generale del Tesoro, ex-vice ministro, poi Ministro dell’Economia, governo Monti, è stato
  26. capo della divisione Banking, Europa e Africa della JP Morgan. Carlo De Benedetti, patron del
  27. gruppo Espresso-Repubblica, è membro del consiglio di sorveglianza della Rothschild. Claudio
  28. Costamagna, presidente della casa di Depositi e Prestiti, nel 1988, entra in Goldman Sachs e diventa
  29. responsabile Italia. Luisa Todini, presidente di Poste Italiane, è membro del Consiglio di
  30. sorveglianza Rothshchild. Rothschild, JP Morgan, Goldman Sachs, Lazard, Morgan Stanley – tra
  31. l’altro, quasi tutte si sono espresse a favore del sì al referendum – ecco, questo è il sistema che
  32. contrasta il Movimento Cinque Stelle[ppp]. Io sono fiero di far parte di una forza politica dove ci
  33. sono colleghi eccellenti come i colleghi della Commissione Finanza, e che non ha paura di fare i
  34. nomi[ppp+impl+top]. E più faremo i nomi, questo lo sappiamo, più arriveranno da qui alle prossime
  35. elezioni politiche degli attacchi nei nostri confronti sempre più alti[ppp]. Ma più sono alti gli
  36. attacchi, più vedo che evidentemente l’obiettivo è vicino. Perché abbiamo citato anche Mario
  37. Draghi? Perché noi rifiutiamo questa scadenza del 31 dicembre. La rifiutiamo. Perché non ci
  38. possiamo fidare di chi è così legato a Goldman Sachs[ppp+impl], che di fatto è anche sostenuta,
  39. appunto, le riforme costituzionali di Renzi, un presidente della BCE che, quando era a capo della
  40. Banca d’Italia, appunto disse “avanti con l’operazione di acquisizione di Antonveneta da parte di
  41. MPS, 9 miliardi di euro vanno bene”. 9 miliardi di euro ha speso MPS e la banca ne valeva 3. E
  42. quella è stata diciamo la goccia che ha fatto traboccare il vaso perché in realtà le responsabilità
  43. politiche del Partito Democratico, della fondazione MPS gestita di fatto da grandi istituzioni, gestite
  44. e poi governate dal Partito Democratico, sono anche precedenti. Gli amici degli amici
  45. finanziati[ppp], l’utilizzo di una banca storica[ppp], la terza banca d’Italia, per fare campagna
  46. elettorale, per garantire al partito di fare voto clientelare. D’altro canto, il Partito Democratico è
  47. quello della frittura-di-pesce-crazia di De Luca sotto indagine in questo momento[ppp].
  48. Su MPS non prendiamoci in giro. Le responsabilità di una parte della politica della Sinistra romana e senese
  49. sono Chi l’ha detto? L’ha detto Alessio Villarosa? L’ha detto Daniele Pesco? L’ha detto Matteo Renzi. Il
  50. ventriloquo Renzi[ppp], perché tutt’oggi parla lui, è un ventriloquo Renzi, cioè non muove la bocca, la voce
  51. l’ascoltiamo da Gentiloni ma chi parla è Renzi. Il ventriloquo Renzi[ppp+top] disse che la responsabilità era
  52. del Partito Democratico. E che cosa ha fatto in questi anni Governo il Partito Democratico di MPS? Si è
  53. occupato o no? Certo che si sono occupati. Hanno fatto delle manovre che hanno fatto arrivare a dire
  54. a Renzi, qualche mese fa “Oggi MPS è risanata. Investire è un affare”. Ve lo ricordate o no? I
  55. giornalisti qui presenti se lo ricordano o no, questa frase? Ecco, da allora, i titoli di MPS hanno perso
  56. il 60%. Cioè, coloro che si sono fidati del Presidente del Consiglio, e ci hanno messo 10 euro a
  57. donazione, ne hanno persi 6 su 10. Ma questo…diciamo delle menzogne? Possiamo avere anche
  58. riconosciuti i meriti di questa forza politica, che non ha mai avuto il timore in Parlamento, nelle
  59. conferenze stampa, nelle piazze, di affrontare veramente, con forza, il problema principale,
  60. ovvero che le banche si sono infiltrate nei partiti politici, trasformandoli di fatto in
  61. banca[ppp+impl]. Qual è oggi la differenza tra il PD e una banca[impl]? Me lo dovete dire. Il PD, come
  62. ha molte banche, gestisce in maniera torbida i nostri soldi. Che fine hanno fatto i quattrini del
  63. finanziamento pubblico ai partiti[impl]? Che fine hanno fatto i tanti quattrini dei risparmiatori,
  64. messi nelle banche, che spariscono[impl]? Stessa identica cosa. E come molte banche piazzano
  65. prodotti tossici, prendendo in giro i cittadini[top], così il PD ha piazzato delle leggi-prodotti
  66. tossici[vag], il gioco. Il Jobs Act è un prodotto tossico. Il Movimento Cinque Stelle farà una battaglia enorme
  67. sul referendum, e non permettiamo che Padoan utilizzi la possibilità di un referendum, cioè uno
  68. strumento di democrazia per bloccarne un altro[top+impl], diciamo per i propri interessi legati alle
  69. elezioni politiche. È ignobile questo comportamento. Perché hanno paura dei cittadini, anche sul
  70. referendum e sul Jobs Act[ppp]. Il Partito Democratico, come una banca[ppp+top], ha piazzato dei
  71. prodotti tossici[vag]. Le riforme costituzionali gliele abbiamo bloccate: il popolo italiano con un contributo
  72. senz’altro ottimo del Movimento Cinque Stelle. Oggi noi non ci possiamo fidare di questa gente. Per quello
  73. proponiamo di andare al voto il prima possibile[top], perché come toccheranno la legge
  74. elettorale rendendo una legge elettorale peggiore di qualsiasi cosa soltanto per andare contro il
  75. Cinque Stelle[top] – per quello noi proponiamo appunto di aspettare la sentenza della Corte
  76. Costituzionale[top].

[conta caratteri – 6.040]

Commento all’analisi del discorso di Barbara Lezzi

Lezzi fa un abbondante uso di presupposizioni, principalmente con scopo di attacco. Molte di queste sono veicolate da clausole subordinate temporali, come l’occorrenza in 2 (quando il Governo Letta avviò questa serie di regali alle banche), che presuppone che il Governo Letta abbia avviato una serie di regali alle banche, o quella in 68 (dopo che avete fatto questa ennesima truffa), che presenta come informazione già nota il fatto che alcuni membri del PD abbiamo commesso una ennesima truffa. Altre subordinate temporali appaiono associate a contenuti di auto-elogio o di riconoscimento verso il proprio operato, come è il caso della subordinata in 22-23 (quando ho ascoltato le associazioni delle persone truffate) con cui Lezzi attribuisce alle previe conoscenze dei suoi interlocutori il suo aver ascoltato le persone truffate dal PD, oppure quella in 75-76 (quando si dice la verità) che non solo presuppone, ma implica anche che la Senatrice stia riportando fatti veritieri. Frequente è altresì il ricorso a descrizioni definite associate a contenuti di critica o attacco. Ad esempio, in 10-11 (i legami che ci sono tra il Partito Democratico e Banca Intesa) in cui è data per scontata l’esistenza di legami tra PD e Banca Intesa. Allo stesso modo, in 36 (la connivenza che c’è con le banche) è attribuita alle conoscenze condivise dagli interlocutori la connivenza tra PD e banche. In 78, il sintagma definito questo scippo presuppone che la truffa messa in atto dai membri del PD sia uno scippo, mentre le frasi relative in 76-77 (la mia chiara soddisfazione per la rabbia che, di fronte alla verità, suscito nel Partito Democratico) e in 79-80 (i senatori del Veneto che hanno truffato i loro corregionali) che trasmettono come informazione nota il fatto che la verità susciti rabbia nel Partito Democratico e che vi siano senatori del Veneto che hanno truffato i propri corregionali. Vi sono poi verbi di cambiamento di stato come esemplificato in 33-34 (continuare a truffare i vostri corregionali), che presuppone che anche in precedenza i senatori veneti del PD avessero truffato i propri corregionali, e presupposizioni da predicato fattivo, come l’occorrenza in 48-49-50 (dire ai Senatori di Vicenza, del Veneto, dire ai loro corregionali che gli hanno scippato 17 miliardi, che gli hanno scippato il nuovo debito pubblico…) che attribuisce alle previe conoscenze dell’interlocutore che i Senatori del Veneto e di Vicenza hanno scippato 17 miliardi ai loro corregionali.

Vi sono poi casi interessanti di implicature conversazionali, come l’occorrenza in 41-42 (Regalare 17 miliardi e dare tre anni di tempo per dare il frutto marcio…) in cui, ad essere indirettamente attribuito all’operato del PD è il fatto di aver regalato 17 miliardi per dare poi il frutto marcio agli italiani, quella in 31-32 (una banca che entra in Parlamento e ordina ai parlamentari del Partito Democratico di piegarsi alle sue volontà), che implica che il Partito Democratico abbia acconsentito a lasciarsi asservire da ideologie bancarie, e quella in 50-51 (Una che promette di restituire i soldi e se li tiene) con cui, riferendosi alla Senatrice Puppato, Lezzi le attribuisce indirettamente di aver promesso di restituire soldi che invece ha poi tenuto per sé. In 72-73 (ho sollecitato forse la dignità del Partito Democratico), Lezzi veicola mediante implicatura che le sue rivelazioni hanno messo in discussione l’onestà del PD.

Dall’analisi emergono solo due occorrenze di topicalizzazione informativa, entrambe associate a contenuti di attacco o critica. L’esempio in 21 (Ridere di fronte a questo) veicola come informazione data, e pertanto già attiva nella mente del ricevente, che i membri del PD a cui sono rivolte le accuse della Senatrice Lezzi stiano ridendo di fronte ai fatti narrati, mentre l’occorrenza in 25 (pur conoscendo tutta la situazione) presenta come informazione già introdotta nel discorso precedente, che i Senatori Puppato e Santini erano a conoscenza della situazione.

La vaghezza è espressa soprattutto dall’uso di sintagmi con significato generico, come ai parlamentari in 33, questi in 55 o le banche in 57. Altrove la si trova codificata mediante pronomi personali plurali come voi in 66 e 67, o plurali generici come avete impiccato in 65, sorridete in 69 o faranno finta in 73.

Commento all’analisi del discorso di Alessandro Di Battista

Nel discorso di Di Battista le presupposizioni sono spesso associate a contenuti di attacco o critica. Vi sono descrizioni definite come le occorrenze in 44 (Gli amici degli amici finanziati) e 45 (l’utilizzo di una banca storica), in cui è presupposta l’esistenza di “amici di altre persone finanziate”, e che sia stata utilizzata una banca storica per fare campagna elettorale. Ancora più incisiva è la descrizione definita in 49-50 (Il ventriloquo Renzi) che presenta come informazione già nota il fatto che Renzi sia un ventriloquo. Altrove, la presupposizione è impiegata per la codifica di auto-elogi, come nel caso della descrizione definita in 58-61 (i meriti di questa forza politica, che non ha mai avuto il timore in Parlamento, nelle conferenze stampa…) e della clausola da predicato fattivo in 32-33-34 (io sono fiero di far parte di una forza politica dove ci sono colleghi eccellenti, come i colleghi della commissione finanza, e che non ha paura di fare i nomi). Altre presupposizioni legate a contenuti di attacco sono quelle proiettate da attivatori avverbiali come quella in 35 (sempre più alti), con cui è dato per scontato che gli attacchi nei confronti dei Cinque Stelle fossero alti anche in precedenza, e quella in 69-70 (anche sul referendum e sul Jobs Act), che presuppone che il PD abbia paura dei cittadini anche rispetto ad altre riforme o proposte di legge presentate.

Strategie implicaturali si rinvengono in special modo nel proferimento di atti linguistici indiretti, ovvero domande con l’intento in realtà di esprimere un critica sull’operato del PD, come l’esempio in 61 (Qual è oggi la differenza tra il PD e una banca?) in cui è implicato in realtà che non vi sia alcuna differenza tra il Partito Democratico e un istituto bancario. In 62-63 (Che fine hanno fatto i finanziamenti del partito pubblico ai partiti?) è implicato che il Partito Democratico abbia destinato a fini discutibili i finanziamenti pubblici ai partiti. Dello stesso tipo è l’implicatura generata in 63-64 (Che fine hanno fatto i tanti quattrini dei risparmiatori, messi nelle banche, che spariscono?) che lascia inferire che i quattrini dei risparmiatori siano stati fatti sparire in modo illecito.

Più diffuso è l’uso di strategie di topicalizzazione. Ad esempio, in 64-65 (come molte banche piazzano prodotti tossici, prendendo in giro i cittadini) è veicolato come informazione data il fatto che molte banche piazzino prodotti tossici prendendo in giro i cittadini, mentre in 67-68, la topicalizzazione post-focale che Padoan utilizzi la possibilità di un referendum… attribuisce alle conoscenze già attive nella mente dell’interlocutore il fatto che Padoan utilizzi un referendum per bloccarne un altro. Analogamente, in 73 il topic nella posizione post-focale dell’enunciato (proponiamo di andare al voto il prima possibile) presenta come informazione già introdotta nel discorso precedente che il Movimento Cinque Stelle proponga di andare al voto il prima possibile. Del genere esemplificato in 64-65 è altresì la topicalizzazione in 73-74 (come toccheranno la legge elettorale rendendo una legge elettorale peggiore di qualsiasi cosa…) in cui al ricevente è presentato come informazione già parte del discorso che i membri del PD renderanno la legge elettorale una legge peggiore.   

La vaghezza è codificata soprattutto da pronomi indefiniti come qualcuno in 8, da descrizioni definite dalla semantica generica e indeterminata come l’espressione delle leggi-prodotti tossici in 65-66 o, di nuovo, dei prodotti tossici in 70-71.    

Articoli correlati

L’implicito della settimana: Delrio contro la riforma del Reddito di Cittadinanza

L’implicito della settimana: Froben contro l’inverno

Ogni contenuto discutibile è evidenziato con un colore diverso che corrisponde al tipo di implicito linguistico usato dal parlante in quell’occasione. Il tipo di implicito è indicato nell’etichetta che compare al passaggio, e che ne esplicita anche la funzione comunicativa.

Ogni contenuto implicito serve a realizzare un certo obbiettivo nella comunicazione: cioè, è dotato di una Funzione comunicativa. Ad esempio: Autoelogio, Elogio di altri, Attacco, Difesa e Opinione personale. 

La Presupposizione è un contenuto presentato come se i destinatari ne fossero già al corrente: in questo modo non sono indotti a metterlo in discussione.

L’Implicatura è un contenuto che non è detto esplicitamente, ma è lasciato intuire. Poiché lo implica lui, il destinatario si accorge di meno che gli è stato trasmesso dall’emittente. 

Un’Espressione vaga è compatibile con molti diversi contenuti concreti, per cui è difficile accorgersi se essa sia falsa o esagerata.

Un Topic, per i linguisti, è un’informazione presentata come se se ne stesse già parlando, quindi come se fosse già abbastanza accettata nel discorso.